Etna, giornata di esplosioni. Aperta nuova bocca effusiva

L'Etna non si stanca, e l'eruzione continua. Oggi la giornata è stata caratterizzata da frequenti esplosioni dal Nuovo Cratere di Sud Est (Nsec), una grane e scenografica esplosione di gas e vapore dalla Bocca Nuova e l'apertura di una nuova, piccola, frattura effusiva ad alta quota. Giunta ormai al venticinquesimo giorno, l'eruzione prosegue sull'Etna con fenomeni a bassa intensità, e anche il livello del tremore vulcanico è sceso, pur rimanendo al di sopra dei valori "normali". Per tutto il giorno è andata avanti l'attività stromboliana al Nsec, con esplosioni frequenti ma a modesta energia. In serata le esplosioni sono cessate ma il buio ha favorito la visione delle colate ancora attive, che ora sono due e forse tre. Continua il trabocco di lava dalla bocca che si è aperta nella zona alla base del Nsec interessata dalla grande frana di lunedì, mentre un'altra piccola bocca si è aperta alla base nord est dello stesso cratere, ma più a valle, e comunque sempre ad alta quota, intorno a quota tremila. Un'altra colatina si vede tra le due di cui abbiamo appena parlato, ma probabilmente si tratta di una bocca attiva nei giorni scorsi e le cui effusioni si mescolavano alla lava della colata principale, mentre stasera appare isolata. In ogni caso, tutte le colate sembrano scarsamente alimentate e si mantengono alle alte quote del vulcano. Le foto qui pubblicate sono state scattate il 15 febbraio 2014 da Turi Caggegi. L'ultima immagine è tratta dalla webcam termica dell'Ingv di Catania e mostra l'esplosione di gas e vapore alla Bocca Nuova. La penultima raffigura lo stesso evento visto da Giarre (foto da iPhone). etnaetnaetnaetnatermica ingv


One thought on “Etna, giornata di esplosioni. Aperta nuova bocca effusiva

Comments are closed.